Collane: Archivio diaristico
Giuseppe Salvemini
Con il fuoco nelle vene
Giuseppe è un giovane entusiasta che si arruola volontario nel 1916. Pensa più alle ragazze e all’avventura che al combattimento. Ma un giorno arriva il momento di andare al fronte. E lì cambia tutto. Uno dei testi più puntuali ed espliciti di denuncia del massacro di massa durante la Prima guerra mondiale.
ISBN: 9788861893870
Pagine: 400

Vincitore del Premio Pieve Saverio Tutino 2015

 

Giuseppe è un giovane entusiasta che studia da sottotenente e si arruola volontario nel 1916. Pensa più alle ragazze, alle mostrine e all’avventura che al combattimento.

 

Ma un giorno arriva il momento di guidare i suoi soldati al fronte sul Carso. E lì cambia tutto. La brutalità della Decima battaglia dell’Isonzo lo travolge ed entra con i dettagli più crudi nel suo diario, fino a far vivere anche al lettore tutta l’oscenità della Prima guerra mondiale.

 

“Uno dei testi più puntuali ed espliciti di denuncia del massacro di massa, delle fucilazioni e delle esecuzioni sommarie che caratterizzarono l’esperienza di guerra degli italiani.” La giuria del Premio

 

Giuseppe Salvemini Nato a Castiglion Fiorentino nel 1897, frequenta l’Accademia allievi ufficiali di Modena e parte per il fronte a 19 anni. Colpito dai gas, morirà un anno dopo.

 

Prefazione di Antonio Gibelli, storico, tra i più importanti studiosi della Prima guerra mondiale.

balloon
€ 14,00
€ 11,90
aggiungi
SCONTO
15%
Eventi
Collane